Ritardi nelle indagini, intromissione nella vita privata di una giornalista. Strasburgo condanna lo stato: l’impunità per chi minaccia è violazione

Una giornalista subisce ritardi nelle indagini, intromissioni nella vita privata e inerzia nell’accertare le responsabilità di una campagna denigratoria. Strasburgo condanna lo stato Annunci

Continua a leggere...