“Monti ammette: l’integrazione Ue è vantaggio materiale delle lobby Usa”

Mario Monti, durante la conferenza stampa all’ambasciata italiana a Washington, lo scorso 13 febbraio, afferma: “Le imprese americane, soprattutto le grandi, sono state sempre tra i fattori di spinta dell’integrazione europea, per il loro vantaggio materiale”.

Si dice che la matematica non sia un’opinione. Eppure, quando conviene, la logica viene messa da parte con una facilità disarmante. Per esempio, provate a contraddire il seguente ragionamento lapalissiano, se vi riesce.

IPOTESI

  1. La Commissione Trilaterale è un organismo privato nato per tutelare gli interessi delle aziende americane, in special modo quelle grandi, che ovviamente hanno più peso specifico, superando i limiti intrinseci imposti dai lunghi iter burocratici delle democrazie (vedi nota 1).
  2. I suoi membri dunque, e in special modo le sue più alte cariche, sono devotamente dedicati al perseguimento degli interessi di cui al punto 1 (dall’inglese “Committed”, vedi nota 2).
  3. Mario Monti è stato fino al mese scorso il responsabile dell’area europea della Commissione Trilaterale, con il compito preciso di realizzare l’integrazione europea (lo dicono loro, non lo dico io).
  4. Mario Monti, durante la conferenza stampa all’ambasciata italiana negli Usa, lo scorso 13 febbraio, afferma: “Le imprese americane, soprattutto le grandi, sono state sempre tra i fattori di spinta dell’integrazione europea, per il loro vantaggio materiale”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...