Ironia &… ‘Made in Italy’. Il caso Bellanova

Provo a fare un’analisi scevra da personalismi e/o tifoserie politiche. Anche perché sono diventata atea. 

tweet bellanovaChe Teresa Bellanova possa scegliere di vestire come le pare mi pare indubbio. Anche perché fino alle 10 di ieri mattina non era ministro ma comunque rappresentava molti italiani, da quel che dicono, e non so se media e gente comune l’avevano già presa di mira con aspre critiche. Vestiva come le pareva.

Ieri, però, per andare a ricevere la nomina ufficiale, ho la sensazione che da qualcuno si sia fatta suggerire. Gli ambienti di governo li conosceva e li frequentava, ma ieri voleva essere impeccabile, per cui – studiata la sua persona – quel qualcuno le avrà tirato fuori la mise migliore per lei.

Migliore per lei, non migliore in assoluto. 

Un personal shopper, o un consulente d’immagine, studia la persona prima di suggerire l’oufit. L’abc proprio.

Il mondo in cui viviamo, tuttavia, vive di apparenze e di immagine.

Che ‘Made in Italy‘ sarebbe sennò?

Un ministro, prima tutto, dovrebbe avere una mise decorosa e istituzionale. E fin qui Bellanova non mi sembra fosse indecorosa o informale. E poi, decide lei quanto spendere per vestirsi. Non lo ha fatto anche Michelle Obama? Solo che Michelle era più.. ‘magra’ di Teresa. Ma magari non è detto che debba essere ‘alla moda’, magari essere nella moda.. altrimenti che Italia sarebbe? Ecco allora, poniamocelo il quesito: ‘anche’ la ministra all’Agricoltura deve rappresentare il Made in Italy? Bellanova non è una faccia della italica medaglia?

Tuttavia registro una coerenza del popolo italiano: la lingua lunga.

Hanno criticato anche Salvini, del resto (al Papeete, così come quando indossava le casacche delle forze dell’ordine). O con Maria Luisa Boschi (e il suo perizoma sotto il tailleur blu elettrico o mentre era al mare).

Il fatto è che c’è un equilibrio in tutto..

Forse Bellanova, li equilibri li ha un po’ stravolti…

Primo perché non ha un titolo di studio al pari della laurea, secondo perché viene dalla campagna, terzo perché non è una modella.. troppe cose tutte insieme e gli italiani si divertono con la lingua.

Ma alla fine mi chiedo, anzi, rifletto. Va bene che la politica debba essere visionaria e sostenere il Made in Italy nel mondo, ma Bellanova sostiene un Made in Italy essenziale: quello dell’alimentare. Viaggiano nel mondo prodotti taroccati e finto biologico: speriamo che sia in grado di contestare le ecomafie. Ecco, questo dico. Sicché si vesta pure come le pare, ma aiuti il Belpaese a contenere le perdite in agricoltura, a cominciare dalla peste degli ulivi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...